Il banchiere in fuga (F. C. Delius)

Il banchiere in fuga

Certo, era lui. Poco fa alla televisione,
ora lo vediamo in una selva a piedi
e stanco morto, scarpe infangate, lo vediamo solo,
con la valigia, direzione nord, non è un fantasma.
Svizzera o Liechtenstein?
Perché non ha con se almeno il suo chauffeur e la mercedes?
Perché non prende il treno?
Perché quello sguardo spaventato, quella fretta?
Un viandante camminerebbe in altro modo e senza una valigia.
Chi fugge dalla moglie o dalla amante
Non batte viottoli di campagna.
Perché si tira su il bavero del cappotto?
Ha paura di noi? Da quando i banchieri
Fanno la parte del coniglio?
Quanti ne passeranno ancora
A disturbare la gente che passeggia in pace:
in che anno viviamo o che diavolo succede?

(F. C. Delius)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *